Autorità tedesche nella bufera, la listeriosi uccide tre persone

Le prime segnalazioni sulla carne contaminata risalgono a inizio agosto. Ma la produzione presso gli stabilimenti Wilke è andata avanti fino a ottobre, così come la vendita in 21 Paesi Ue con 13 marchi diversi

È di tre morti il bilancio provvisorio del focolaio di listeriosi che si è verificato in Germania. La malattia infettiva, potenzialmente letale per l’uomo, viene trasmessa da un batterio presente negli alimenti contaminati, la cui origine sarebbe riconducibile a uno stabilimento di carne di proprietà della Wilke. E mentre 37 persone sono ancora sotto osservazione, le critiche delle associazioni di consumatori e dell’opinione pubblica si stanno concentrando sulle autorità, colpevoli di non aver fermato la produzione e la vendita dei salumi provenienti dallo stabilimento contaminato, nonostante fosse già stata accertata la presenza del batterio. 

Cibo pericoloso in circolazione

La carne contaminata sarebbe stata distribuita in 21 Paesi Ue, e tanti altri fuori dall’Europa, e venduta da 13 marchi diversi. L’attività dello stabilimento è stata interrotta solo a inizio ottobre, mentre le prime segnalazioni sulla presenza del batterio Listeria monocytogenes nei prodotti Wilke risalgono al 12 agosto. Al momento, sono in corso le indagini a carico dell’amministratore delegato dell’impresa che produce salsicce e salumi.

Le ispezioni

Nei mesi di agosto e settembre, le autorità tedesche avevano condotto due ispezioni presso gli stabilimenti oggi posti sotto sequestro. Il secondo accertamento aveva convinto le autorità che l’impresa avesse eliminato ogni minaccia per i consumatori, dovuta a problemi igienici del processo di trasformazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le contromisure

Pochi giorni dopo, in seguito a nuove segnalazioni, è arrivato lo stop la produzione e sono stati ritirati dal mercato i prodotti contaminati non ancora venduti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • Il Covid-19 fa dimenticare l'altra grande pandemia mondiale: la peste suina

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento